Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)
palamidessi

Tommaso Palamidessi

pende

Nicola Pende

calligaris

Giuseppe Calligaris

lakhovsky

Georges Lakhovsky

Storia del nome scelto "Caduceo di Ermete"

Il Caduceo di Ermete, simbolo dell’equilibrio psicosomatico, è il bastone o verga del padre della medicina ermetica, Ermete Trismegisto, Mercurio per i romani.

L’uomo e la donna vivono in uno spazio infinito su un punto geografico fisico sul pianeta terra, immerso in un mare di vibrazioni intersiderali. L’influenza che queste vibrazioni hanno sull’organismo umano non è una ricerca nuova, ma il frutto di un intenso lavoro che valorosi uomini di scienza hanno tramandato sino ad oggi come Ippocrate, Paracelso, Cardano, Galeno, Calligaris, Pende, Luca Gaurico, Arnoldo Villanova, Morin de Villefrance, Tommaso Palamidessi. Una scienza che fonda le sue origine nell’antica Caldea, nell’antico Egitto, nel IV e V secolo a Crotone con Pitagora, nei Templi di Delfi ecc.: la “Cosmopatologia” o “Medicina Siderale”, che cerca e stabilisce le relazioni provate scientificamente tra le malattie e le posizioni planetarie, intese come perturbazioni di un equilibrio elettro-magnetico vitale di ogni organo, apparato, sistema nervoso, secrezioni ormoniche, provocando alterazioni fisiologiche.

Tutto questo è possibile perché l’essere umano è formato da elementi elettro-chimici. Questi elementi possono essere modificati da un bombardamento di radiazioni siderali, in virtù della legge di risonanza e d’interdipendenza. Esempio: la luce è un fascio di fotoni che influenza la materia chimica modificandola; pensiamo a una pellicola fotografica: i fotoni decompongono i granuli di bromuro d’argento sospesi nella gelatina della pellicola, oppure pensiamo al microscopio elettronico che adopera gli elettroni come fonte luminosa. Le radiazioni vengono assorbite dai tessuti producendo modificazioni chimiche che comportano l’arresto delle normali funzioni cellulari, che possono essere momentanee o permanenti, causando anche la distruzione delle stesse cellule che costituiscono i tessuti. Molti studi sono stati fatti sull’influenza magnetica che il sole e le macchie solari hanno sul tessuto cardiaco, sul magnetismo lunare che ha un’influenza sulla psiche nei casi di pazzia, ed anche sul ciclo mestruale femminile.

Per fare una corretta analisi cosmobiopsicologica occorre conoscere il temperamento individuale di base ed anche quello annuale (Tommaso Palamidessi, La Medicina Siderale  e gli influssi siderali, Ed. Fratelli Bocca, Milano).

Queste onde siderali interagiscono per induzione nel corpo fisico cioè attraverso dei meccanismi energetici. Lo stato di salute si ottiene quando lo scambio di entrata e di uscita delle correnti energetiche avviene armonicamente.
Nel nostro organismo il “regolatore” degli scambi chimici è il sangue, guidato dalla controparte energetica.

La salute è retta da un equilibrato scambio energo-chimico cellulare; una alterazione viene provocata dall’azione martellante di radiazioni siderali che agiscono sulle cariche negative e positive dei corpi energetici e questi sulle cariche positive e negative degli atomi della nostra materia organica.

La salute sta nel tener in equilibrio la propria controparte energetica, perché è la prima che va in disequilibrio, sia per un’oscillazione opposta interna che esterna.

Georges Lakhovsky, fisico e biologo russo, insegnava che la vita nasce dalla radiazione, è trattenuta dalla radiazione, è soppressa dal disequilibrio oscillatorio.
Ogni soggetto vivente emette e riceve delle radiazioni elettromagnetiche. Secondo Lakhovsky: “Una cellula è schematicamente costituita da un protoplasma cellulare circondato da una membrana cellulare. Nel protoplasma è immerso il nucleo costituito da un filamento tubolare contenente liquido conduttore avvolto in sostanza cromatica isolante. Essa può essere considerata un circuito oscillante microscopico avente una determinata lunghezza d’onda assai corta.
Il nucleo ricorda da vicino il circuito oscillante di Hertz poiché è un vero circuito elettrico dotato di self induzione e capacità quindi suscettibile di oscillare e di risuonare con altissima frequenza. La bobina di induzione è rappresentata dalla spira continua di filamento nucleare, il condensatore è dato dalla capacità tra i due estremi del filamento stesso.”
Lakhovsky, afferma che tutti gli esseri viventi sono assimilabili a circuiti oscillanti ad altissima frequenza, poiché costituiti da cellule che sono a loro volta oscillatori elementari e, dopo aver messo in evidenza i rapporti di esse con le radiazioni cosmiche determinanti le condizioni di vita e di morte, ha cercato di vedere se le sue teorie portate dal campo teorico a quello pratico trovassero nei fatti la loro conferma. A tale scopo egli ha pensato di fare uso di circuiti oscillanti: questi sono costituti da una spira di filo di rame isolato e posti intorno al soggetto da trattenere, come bracciali, cinture, collane, per isolare il soggetto dai raggi elettromagnetici (tratto da: Il segreto della vita, L’oscillazione cellulare).

Tutto irradia nell'Universo. In natura nulla è immobile, tutto vibra, e ogni cosa ha come dicono gli Americani la sua rata di vibrazione, cioè la sua irradiazione propria e caratteristica, posta in rapporto con le oscillazioni degli elettroni, che sono, pare, gli ultimi costituenti dell'organismo. Sono infatti questi che emettono incessantemente la loro radio-attività. Queste misteriose onde o radiazioni vengono emesse così dall'uomo come dall'animale, così dal vegetale, come dal minerale, così da ogni specie come dalle cose di ogni genere. Non soltanto emanano dagli organismi sani ma emanano anche dagli organismi malati e, come vedremo sono diverse e speciali per ogni malattia. Non soltanto si dipartono dagli elementi del macrocosmo (radiazioni cosmiche, telluriche, atmosferiche), ma anche da quelli infinitesimali del microcosmo, cossichè raggi specifici vengono proiettati ogni cellula, da ogni fibra, e da ogni microbo del nostro corpo. (preso dal libro del Calligaris Telepatia e radio-onde cerebrali).
E' necessario un analisi del soggetto dal triplice punto di vista morfologico, biochimico, neuropsicologico, cioè è necessario applicare il metodo biotipologico del Pende per permettere la determinazione del biotipo individuale sotto la quadruplice faccia della costituzione morfologica, del temperamento umorale, del carattere neuro-psichico, del tipo.
(preso dal libro del Pende Terapia medica speciale)